Consigli

Thelaziosi nei bovini: sintomi e trattamento

Thelaziosi nei bovini: sintomi e trattamento


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La thelaziosi nei bovini è una malattia epizootica stagionale molto diffusa. È caratterizzato da infiammazione della congiuntiva e della cornea dell'occhio. Nelle fasi iniziali, la laziosi è difficile da determinare, poiché i segni clinici sono scarsamente espressi. I casi trascurati della malattia possono portare a una completa perdita della vista, una diminuzione della produttività degli animali, quindi ogni proprietario di un bestiame di bovini dovrebbe sapere come si manifestano i segni clinici della laziosi e come prevenire questa malattia.

Cause della laziosi e fonti di infezione

L'agente eziologico della thelaziosi bovina sono piccoli nematodi appartenenti al genere Thelazia. Nei bovini ci sono tre tipi di bioelminti. Ciascuno dei nematodi parassita in luoghi diversi:

  • la rhodesi è localizzata nella cavità congiuntivale e sotto la terza palpebra;
  • gulosa, T. skrjabini - nel canale lacrimale-nasale e nei dotti delle ghiandole lacrimali (a volte nel sacco congiuntivale).

L'infezione dei bovini da nematodi si verifica al pascolo. In primavera, le loro femmine rilasciano le larve del primo stadio, che, con lacrime e muco, migrano nell'area dell'angolo interno dell'occhio, dove vengono inghiottite dalle mosche mucche. Nel corpo dell'ospite intermedio, le larve crescono, attraversano due fasi di muta e dopo 2-4 settimane si trasformano in larve invasive del terzo stadio. Questi ultimi si spostano nella parte della testa del corpo della mosca e attraverso la proboscide entrano nel sacco congiuntivale dell'occhio dell'animale. Dopo 1-1,5 mesi, la larva si trasforma in un individuo sessualmente maturo. I nematodi adulti possono parassitare nel corpo di un animale fino a un anno, tuttavia, molto spesso muoiono dopo 3-4 mesi.

Importante! I primi casi di telaziosi bovina si osservano tra la fine di maggio e l'inizio di giugno e il picco di incidenza si verifica in agosto-settembre.

Gli animali di tutte le età sono suscettibili alla laziosi. La malattia è più acuta nei giovani bovini all'età di quattro mesi.

I nematodi sono in grado di rimanere vitali in inverno. Le loro femmine, svernate agli occhi degli animali malati, iniziano a deporre le uova con l'inizio delle mosche estive. Pertanto, il bestiame infettato da vitelli è l'unica fonte di infezione in primavera.

Sintomi della telaziosi nei bovini

La thelaziosi nei bovini procede in tre fasi. Crescendo nella regione congiuntivale degli occhi, i nematodi danneggiano la delicata mucosa. Nei vermi T. rhodesi, le spine chitinose si trovano sulla parte anteriore del corpo, quindi questo tipo di agente patogeno è considerato il più pericoloso.

Nella fase iniziale della malattia, si nota:

  • iperemia della congiuntiva;
  • lacrimazione abbondante;
  • fotofobia.

È abbastanza difficile riconoscere i sintomi della malattia nella prima fase. Il quadro clinico più chiaro si sviluppa dopo 2-3 giorni. La malattia entra nel secondo stadio, caratterizzato dai seguenti segni clinici:

  • secrezione purulenta o sierosa purulenta dall'occhio dolorante;
  • copioso segreto viscido;
  • offuscamento della cornea;
  • gonfiore della palpebra.

Nella fase finale della malattia, si verificano processi irreversibili che possono portare alla cecità:

  • la comparsa di ulcerazioni sulla cornea dell'occhio;
  • dolore al bulbo oculare;
  • aumento della temperatura corporea;
  • mancanza di appetito;
  • stato depresso.

Nella terza fase della malattia, le mucche subiscono un calo della produzione di latte. I vitelli infettati da bioelminti sono in ritardo nella crescita e nello sviluppo.

Importante! I primi focolai di telaziosi nei bovini si osservano un mese e mezzo dopo il pascolo del bestiame.

Diagnosi della malattia

La diagnosi della laziosi nei bovini viene effettuata in base alle caratteristiche di questa malattia. Per fare una diagnosi al primo stadio latente della telaziosi, il sacco congiuntivale di un animale malato viene lavato con 50 ml di soluzione di acido borico (3%). Il lavaggio risultante viene raccolto in un contenitore. Le larve e gli elminti possono essere visualizzati ad occhio nudo o con una lente d'ingrandimento.

In uno studio di laboratorio sul liquido lacrimale, si nota una diminuzione della concentrazione di lisozima. Quando si diagnostica la laziosi, vengono presi in considerazione i dati epizootologici ei segni clinici. In assenza di sintomi della malattia, ad esempio, in inverno, alcuni tipi di elminti possono essere trovati nel canale lacrimale-nasale o nei dotti escretori delle ghiandole lacrimali dell'animale dopo la macellazione. È importante differenziare la telaziosi bovina da:

  • infezioni da herpesvirus;
  • moraxellosi;
  • rickettsiosi.

Inoltre, questa malattia deve essere differenziata dall'ipovitaminosi A.

Trattamento della telaziosi nei bovini

Per un trattamento più efficace, viene preso in considerazione il tipo di agente eziologico della laziosi. Per i danni agli occhi, T. gulosa e T. skrjabini usano una soluzione acquosa al 25% di citrato di ditrazina. Il farmaco viene iniettato per via sottocutanea nel collo alla dose di 0,016 g per 1 kg di peso animale. La successiva iniezione deve essere somministrata 24 ore dopo. Per distruggere elminti e larve, al posto della ditrazina, puoi usare una soluzione al 40% di loxuran alla dose di 1,25 ml per ogni 10 kg di peso.

Anche per la sverminazione usare i farmaci "Ivomek" e "Ivomek +". La soluzione viene somministrata una volta, per via sottocutanea nella zona del collo, alla dose di 0,2 mg per 1 kg di peso corporeo dell'animale. Un buon effetto terapeutico si ottiene lavando l'occhio colpito con una soluzione di clorofos (1%).

Quando si tratta la laziosi nei bovini, possono essere utilizzati anche i seguenti farmaci e soluzioni:

Con la laziosi causata dal patogeno della specie T.Rhodesi, è efficace utilizzare soluzioni per il lavaggio della regione congiuntivale della mucosa dell'occhio:

  • soluzione di iodio con una concentrazione dello 0,05%;
  • soluzione di acido borico al 3%;
  • emulsione di lisolo o ittiolo con una concentrazione del 3%.

Puoi trattare l'occhio colpito con un'emulsione di ittiolo in olio di pesce. La composizione viene accuratamente iniettata con una siringa nella quantità di 2 ml, nell'area della terza palpebra e massaggiata delicatamente. Le procedure vengono ripetute tre volte in 2-3 giorni.

Per il trattamento della congiuntiva si possono utilizzare anche infusi di erbe:

In caso di complicanze nel secondo e terzo stadio della malattia (congiuntivite purulenta, cheratite), il veterinario prescrive farmaci antibatterici. Molto spesso si tratta di farmaci sulfamidici e sostanze del gruppo delle penicilline.

Se ci sono ulcere sulla cornea dell'occhio, è possibile utilizzare un unguento con novocaina e penicillina. Per l'annebbiamento della cornea dell'occhio, un unguento appena preparato con ioduro di potassio è molto efficace.

Con la congiuntivite purulenta, si consiglia di trattare con un unguento novocaina-clortetraciclina, linimento tanacet o lavare le aree interessate con una soluzione di furacilina.

Previsione e prevenzione

È abbastanza difficile identificare la malattia nella fase iniziale. Di norma, i primi sintomi evidenti di danno da elminti compaiono nella seconda e terza fase della laziosi. Ignorare i sintomi nelle prime fasi porta a conseguenze irreversibili. Se non trattato adeguatamente, l'animale può perdere la vista. Per prevenire la laziosi del bestiame, è necessario effettuare la sverminazione preventiva del bestiame in autunno e in primavera.

Al fine di identificare i sintomi della malattia nel tempo, i proprietari di aziende agricole e aziende agricole private dovrebbero condurre regolarmente esami clinici generali degli animali da maggio a settembre.

Le mosche delle mucche sono ospiti intermedi del parassita e sono molto attive nella stagione calda. In questi giorni si consiglia di tenere il bestiame sotto stalle o recinti, limitando il pascolo al pascolo. È anche meglio organizzare l'esercizio notturno del bestiame. Si consiglia di pascolare gli animali giovani separatamente dagli animali adulti.

Per controllare i vettori delle larve di vitello (mosche di mucca), è possibile utilizzare il trattamento della pelle e dei peli degli animali con una soluzione di clorofos (1%).

Durante il periodo di pascolo, si consiglia di nutrire i giovani bovini con miscele di sale di fenotiazina: il farmaco provoca la morte di massa delle larve di vitello nelle feci degli animali. Per sterminare le mosche sulla superficie del corpo dell'animale, vengono utilizzati farmaci:

Un'altra opzione per la prevenzione dei bovini dalla laziosi è l'uso di clip per le orecchie con piretroidi. Questa opzione con il contenuto di cipermetrina è un potente mezzo per controllare gli insetti, può ridurre della metà l'incidenza della laziosi nel bestiame.

L'infezione con la laziosi dei bovini si verifica spesso sui pascoli in estate. Per il trattamento dei locali viene utilizzata l'ectomin (1-2%), un'emulsione di neocidolo con una concentrazione dello 0,5% al ​​ritmo di 50-80 ml per 1 mq. Dopo la lavorazione delle stalle e degli altri locali, gli animali non devono essere introdotti immediatamente - devono essere tenuti per almeno due ore.

Conclusione

La telaziosi nei bovini è una malattia piuttosto pericolosa che, senza un trattamento adeguato, può portare alla cecità. È possibile evitare la manifestazione di questa patologia nei bovini osservando il programma delle misure preventive. Molto spesso, focolai di telaziosi si verificano nelle stagioni estiva e autunnale. Pertanto, durante questi periodi, è necessario effettuare ispezioni periodiche del bestiame bovino per tempo.


Guarda il video: Mangia Aglio Ogni Giorno, e Vedi Cosa Ti Succede (Febbraio 2023).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos