Consigli

Tartufo: come coltivare in casa in Russia, foto e video

Tartufo: come coltivare in casa in Russia, foto e video


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I tartufi sono da sempre sinonimo di lusso e opulenza per le loro straordinarie qualità culinarie. Tuttavia, sono molto difficili da trovare in natura, motivo per cui questi funghi hanno sempre avuto un prezzo molto alto. Per molto tempo si è creduto che coltivare tartufi in casa fosse impossibile, ma numerosi esperimenti hanno dimostrato che non è così. Oggi è del tutto possibile coltivare questi funghi da soli, se simuli le condizioni necessarie per questo.

È possibile coltivare un tartufo in casa

I tartufi appartengono ai funghi marsupiali, i cui corpi fruttiferi tuberosi si sviluppano sottoterra. In totale, ci sono circa 40 diversi tipi di questi funghi, ma non tutti sono commestibili e anche più deliziosi.

I più pregiati sono i seguenti tipi di tartufo:

  1. Perigord (nero).
  2. Piemonte (italiano).
  3. Inverno.

In condizioni naturali, queste specie crescono nel sud della Francia e in Svizzera, così come nel nord Italia. In Russia si trova uno dei tipi di tartufo: l'estate. Cresce nella regione centrale. A volte questi funghi si trovano in altre aree, ad esempio, si trovano periodicamente nei territori di Krasnodar e Stavropol, nonché in Crimea.

In natura, il tartufo cresce più spesso nelle foreste decidue, formando micorrize con le radici di quercia, faggio, carpino. È questa proprietà dei funghi che è stata utilizzata per sviluppare i principi della loro coltivazione artificiale. I primi tentativi riusciti di coltivare il tartufo furono fatti in Francia all'inizio del XIX secolo. È difficile definirlo un ciclo di crescita a tutti gli effetti, poiché i ricercatori hanno semplicemente simulato l'ambiente naturale in cui cresce il micelio fungo.

L'essenza dell'esperimento era la seguente. Le ghiande sono state raccolte dagli alberi sotto i quali sono stati trovati funghi in natura. Sono stati germinati e quindi gli alberelli sono stati piantati in un boschetto di querce separato. Successivamente, i tartufi sono stati trovati sotto molte di queste querce. Il metodo è stato riconosciuto come un successo e alla fine del XIX secolo la superficie totale di questi vivai era già di oltre 700 metri quadrati. km.

Attualmente, il fungo prelibato è coltivato in molti paesi. Oltre alla Francia, i tartufi vengono coltivati ​​in Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti. All'inizio di questo secolo, la Cina ha avuto il primato nella produzione di funghi. In Russia, la coltivazione del tartufo può essere praticata solo nelle regioni meridionali con condizioni climatiche simili. Altrimenti, sarà necessario simulare artificialmente il microclima, che richiederà grandi costi di materiale.

Tecnologia di coltivazione del tartufo

L'allevamento domestico del tartufo viene solitamente effettuato in vivai artificiali. La base del metodo è l'inoculo di piantine di quercia o nocciolo con micelio del fungo, seguito dalla semina di quest'ultimo nel terreno preparato di vivai speciali. Nei mesi successivi viene effettuata una rigorosa quarantena e vengono monitorate le piantagioni. Dopo che il micelio ha attecchito con successo sulle radici delle piantine, vengono piantate in un'area aperta preparata.

La coltivazione del tartufo può essere effettuata anche al chiuso, in cui vengono mantenuti artificialmente i parametri microclimatici necessari. In questo caso, viene utilizzato uno speciale substrato di segatura di quercia, sul quale si sviluppa il micelio del fungo. In buone condizioni, si verifica la micorriza e sul micelio compaiono corpi fruttiferi.

Condizioni per la coltivazione del tartufo

Prima di piantare piantine di quercia o nocciolo inoculate con micelio, il sito deve essere preparato. Ecco i requisiti di base per la corretta coltivazione e sviluppo dei funghi:

  1. Terreno sciolto e ben coltivato.
  2. La presenza di una quantità sufficiente di humus nel terreno, ha aumentato il contenuto di calcio.
  3. L'acidità del terreno non è inferiore a 7,5 (pH ottimale = 7,9).
  4. L'assenza di altri funghi sul sito del micelio.
  5. Clima relativamente secco.
  6. La temperatura media estiva dovrebbe essere mantenuta entro + 18-22 ° С.

Importante! Durante i primi anni di crescita dei giovani alberi, è necessario diserbare costantemente, rimuovendo tutte le erbacce intorno alle piantine.

Come coltivare il tartufo in casa

Sfortunatamente, le condizioni climatiche della maggior parte della Russia sono molto diverse dalle condizioni meteorologiche dell'Europa meridionale, quindi è molto probabile che non sarà possibile coltivare un tartufo dal micelio nella regione di Mosca utilizzando il metodo sopra descritto. Inoltre, non tutti hanno l'opportunità di piantare il proprio bosco di querce sul sito. In questo caso, puoi provare a coltivare un tartufo sotto un singolo albero e in aree con climi sfavorevoli - nel seminterrato di una casa o di una serra.

Come si coltivano i tartufi sotto gli alberi

Puoi coltivare un tartufo da solo sotto un albero. Nelle regioni con estati calde e inverni miti, un simile esperimento potrebbe benissimo concludersi con successo. Per fare questo, dovrai piantare una piantina, nelle cui radici è già stato inoculato il micelio del tartufo. Tale materiale di piantagione può essere acquistato online o in negozi specializzati.

Molto spesso, i fornitori offrono cedro libanese, carpino, quercia peduncolata, quercia cembro, cedro dell'Atlante, pino di Aleppo, nocciolo dell'orso, faggio europeo per la coltivazione come piantine.

Le giovani piantine vengono vendute, di regola, in contenitori di varie capacità (a seconda della loro età). Dopo l'acquisto, l'albero viene piantato in un'area preparata. In condizioni favorevoli, la raccolta dei funghi può avvenire entro i prossimi 3-5 anni.

Importante! L'area del giardino dove vengono coltivati ​​i tartufi deve essere completamente protetta dall'accesso di animali domestici, in particolare conigli e maiali.

Come coltivare i tartufi in serra

La serra può essere utilizzata per simulare le condizioni meteorologiche nelle regioni in cui il clima non consente la coltivazione di tartufi sotto gli alberi. Ciò richiederà costi finanziari significativi per attrezzature speciali, sistemazione dei sistemi di riscaldamento e condizionamento dell'aria, nonché per la preparazione del terreno. Ha bisogno di essere ripulito da radici, pietre, per garantire un normale livello di acidità e la presenza degli oligoelementi necessari.

La segatura di varie specie di alberi decidui, principalmente quercia e faggio, viene utilizzata come mezzo nutritivo per la coltivazione di funghi. Sono infettati da micelio di tartufo e posti in un ambiente sterile fino a quando non si forma la micorriza. Questo può richiedere fino a 1 anno. Dopo che il micelio si è sviluppato, viene piantato in una serra, in un substrato di terreno preparato.

L'atterraggio viene effettuato come segue:

  1. Nel terreno vengono praticate depressioni dell'ordine di 0,5-0,6 m, posizionandole a una distanza di 1-2 m l'una dall'altra.
  2. Le fosse vengono versate con acqua e viene aggiunto uno strato di humus.
  3. Sui fori viene stesa della segatura su cui si è sviluppato un micelio di tartufo, circa 1 manciata per ogni buca.
  4. Dall'alto, il micelio è coperto di fieno o segatura.

Importante! Per ridurre il tempo, è possibile acquistare un substrato pronto dalla segatura con un micelio sviluppato per la crescita.

Nella serra, è costantemente necessario mantenere le condizioni vicine all'ideale. La temperatura ambiente dovrebbe essere di circa + 22 ° С e l'umidità relativa dell'aria dovrebbe essere del 55-60%. In inverno, il terreno dovrebbe essere pacciamato con torba per un ulteriore isolamento termico.

Come coltivare il tartufo in cantina in campagna

È possibile coltivare tartufi in casa tutto l'anno utilizzando, ad esempio, il seminterrato della casa. Per fare ciò, deve essere dotato degli stessi sistemi della serra. Gli scantinati sono più preferibili per la coltivazione non solo dei tartufi, ma dei funghi in generale, poiché hanno un'inerzia molto maggiore. Mantengono più stabili i parametri di temperatura e umidità, inoltre, non è necessario adottare misure per limitare l'eccesso di luce solare.

Importante! Gli scantinati dove vengono coltivati ​​i funghi devono essere dotati di sistemi di ventilazione e monitoraggio del livello di anidride carbonica.

La CO2 che si accumula nel processo di decomposizione dei residui organici è più pesante dell'aria, può riempire gradualmente l'intero seminterrato e questo può essere pericoloso per la vita.

Per comodità di lavoro, si consiglia di suddividere lo spazio interno del seminterrato, cioè di dividere i luoghi in cui viene coltivato il micelio e i funghi maturano direttamente. Prima di iniziare i lavori, la stanza è dotata di cremagliere per accogliere contenitori con un substrato, ed è anche disinfettata.

Raccolta dei tartufi

Nei primi anni la resa del tartufo è bassa. Dall'età di 4-5 anni, la quantità e la qualità dei funghi aumenta in modo significativo. Il periodo migliore per raccogliere i tartufi è l'inizio dell'autunno, prima metà di settembre. I corpi fruttiferi maturano sottoterra, questo crea seri problemi per trovarli. Pertanto, gli animali appositamente addestrati - cani o maiali - vengono utilizzati per rilevare i tartufi. Il loro delicato olfatto è perfetto per rilevare i funghi anche sotto uno strato di terreno.

Un altro segno della presenza di un tartufo nel terreno è il brulicare di moscerini sulla sua posizione. Gli insetti raccolgono l'odore dei funghi e si raccolgono nella speranza di deporre le uova nel corpo fruttifero. Questi sono i posti che devi controllare prima. Il fungo in crescita assomiglia a una patata tuberosa arrotondata o oblunga con un guscio denso di forma.

Il peso di un tartufo maturo varia solitamente da 0,5 a 1,2 kg. La maggior parte di essi si trova a una profondità di 0,15-0,2 m Dopo essere stata rimossa da terra, viene pulita e posta su paglia o un panno pulito.

Importante! I funghi vengono estratti solo a mano, con una spatola speciale. Qualsiasi danno meccanico influisce negativamente sul gusto del fungo e ne riduce il costo.

Video sulla coltivazione dei tartufi a casa:

Metodi e periodi di conservazione

I tartufi si consumano freschi. I corpi fruttiferi raccolti perdono rapidamente il loro aroma e quindi il loro valore. Devi mangiarli il prima possibile, dopo 1-2 settimane il fungo può deteriorarsi completamente.

Il riso è spesso usato per conservare i tartufi; questo cereale rimuove l'umidità in eccesso. Un altro modo per conservare questi funghi è congelarli. Prima di ciò, i tartufi pelati vengono oliati, avvolti in carta stagnola e confezionati sottovuoto. In questo stato, i funghi possono essere conservati fino a sei mesi. Prima dell'uso, non vengono scongelati, ma grattugiati.

Coltivare tartufi come azienda

I prezzi elevati per i tartufi sono sempre stati un buon incentivo per gli imprenditori che sognavano di iniziare la coltivazione artificiale di questi funghi miracolosi. Nel frattempo, non tutti i loro tipi sono molto richiesti. Ora il prezzo medio per 1 kg di tartufo è di circa $ 250-300.

I concorrenti più seri in questo mercato sono la Cina, che fornisce la fornitura più massiccia di funghi a un prezzo basso, così come l'Australia e la Nuova Zelanda, che relativamente di recente sono state in grado di stabilire la coltivazione artificiale di funghi sui loro territori. È grazie a questi ultimi due paesi situati nell'emisfero australe che è stato possibile attenuare in modo significativo le fluttuazioni stagionali della domanda.

La coltivazione artificiale del tartufo può essere un buon affare, ma solo con il giusto approccio e un investimento iniziale significativo. Le prestazioni di una fungaia sono un valore imprevedibile, quindi, nel calcolarlo, è difficile concentrarsi su un periodo di recupero. Il primo raccolto può essere ottenuto non prima di 3 anni e non tutti i commercianti sono pronti a fare un investimento così a lungo termine. Tuttavia, la coltivazione artificiale di funghi può essere una buona aggiunta al lavoro, ad esempio, di una grande azienda agricola come una delle direzioni di sviluppo.

In Russia, la domanda di tartufi è rimasta stabile negli ultimi decenni. Il prezzo medio di un piatto a base di questi funghi nei ristoranti di Mosca parte da 500 rubli. Il prezzo all'ingrosso per i funghi varia da 500 a 2000 dollari USA per 1 kg.

Un breve video sullo sviluppo di un'attività di coltivazione del tartufo a casa:

Conclusione

Coltivare tartufi in casa è possibile, ma è associato a costi elevati e alcuni rischi. Ma possedere una fattoria di funghi può diventare un'attività piuttosto degna, fornendo reddito al suo proprietario per molti anni. La resa di 1 ettaro di querce da tartufo può essere di 40-50 kg e la fruttificazione attiva continua per 30-35 anni. È facile calcolare che con prezzi elevati per i tartufi, i costi sostenuti in un tempo simile ripagheranno molte volte.


Guarda il video: Tartuficoltura: prospettive per giovani e agricoltori (Febbraio 2023).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos