Consigli

Tartufo bianco italiano (tartufo piemontese): commestibilità, descrizione e foto

Tartufo bianco italiano (tartufo piemontese): commestibilità, descrizione e foto


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il tartufo piemontese è un rappresentante sotterraneo del regno dei funghi, che si forma sotto forma di tuberi irregolari. Appartiene alla famiglia del tartufo. Il nome deriva dalla regione Piemonte situata nel Nord Italia. È lì che cresce questa prelibatezza anonima, per la quale molti sono pronti a dare una quantità decente. Ci sono anche altri nomi: vero tartufo bianco italiano.

Che aspetto ha un tartufo piemontese?

I corpi fruttiferi sono tuberi sotterranei di forma irregolare. Le loro dimensioni variano da 2 a 12 cm, e il loro peso varia da 30 a 300 g.In Piemonte si possono trovare esemplari che pesano più di 1 kg, ma un tale ritrovamento è raro.

La superficie irregolare del fungo piemontese risulta vellutata al tatto

Il colore della pelle può essere buffy chiaro o brunastro. Il rivestimento non si separa dalla polpa.

Le spore sono ovali, a rete. La polvere di spore è di colore giallo-marrone.

La polpa ha una tinta bianca o grigio-giallastra, ci sono esemplari che sono rossastri all'interno. Nella sezione, puoi vedere un motivo in marmo bianco o marrone crema. La polpa è di consistenza densa.

Importante! Il sapore dei funghi piemontesi è considerato aristocratico, l'odore ricorda vagamente l'aroma del formaggio con additivo all'aglio.

Dove cresce il tartufo bianco italiano?

Questo rappresentante del regno dei funghi si trova nelle foreste di latifoglie in Italia, Francia e nell'Europa meridionale. Il fungo piemontese forma la micorriza con il pioppo, la quercia, il salice, il tiglio. Predilige terreni sciolti calcarei. La profondità di occorrenza è diversa, da pochi centimetri a 0,5 m.

Attenzione! La raccolta dei tartufi in Piemonte inizia dalla terza decade di settembre, e termina alla fine di gennaio. La stagione di raccolta dura 4 mesi.

È possibile mangiare il tartufo piemontese

Il tartufo piemontese è una prelibatezza che non tutti possono assaggiare. Le difficoltà con la raccolta, la rarità portano al fatto che il prezzo di questi funghi è molto alto.

False doppie

Tra le specie simili ci sono:

Tuber gibbosum, originario degli Stati Uniti nord-occidentali. Il nome gibbosum significa "gobbo", che caratterizza molto accuratamente l'aspetto del fungo sotterraneo. A maturità, sulla sua superficie si formano ispessimenti, simili a petali irregolari o gobbe su esemplari di grandi dimensioni. Questa specie è commestibile, usata in modo simile ai rappresentanti europei del regno dei funghi. L'aroma del tartufo aggiunge raffinatezza al piatto;

Questo rappresentante della famiglia del tartufo si trova nelle foreste di conifere, perché forma la micorriza con l'abete di Douglas

Choiromyces meandriformis o tartufo Troitsky trovato in Russia. Il fungo non è prezioso come la sua controparte europea. Cresce in boschi di latifoglie, conifere e misti ad una profondità di 7-10 cm. Le dimensioni del corpo del frutto: diametro 5-9 cm, peso 200-300 g. Sono presenti anche esemplari più grandi del peso di circa 0,5 kg, fino a 15 cm di diametro Il corpo del frutto ricorda un tubero di feltro marrone giallastro appiattito. La polpa è leggera, simile nell'aspetto alle patate, venata di marmo. L'aroma è specifico, il gusto è di funghi, con una nota di nocciola. Il fungo è classificato come commestibile. Puoi trovarlo dalle protuberanze nel terreno e da un aroma specifico. Spesso gli animali lo trovano e solo allora la persona inizia a raccogliere la prelibatezza.

Aspetto stagione - da agosto a novembre

Regole di raccolta e utilizzo

In Piemonte i cani vengono addestrati alla raccolta dei funghi.

Attenzione! Hanno un buon odore di maiali italiani, ma a questi animali è vietato essere utilizzati per la ricerca di una specie deliziosa.

Il raccolto raccolto non viene conservato a lungo. Ogni tubero viene avvolto in un tovagliolo di carta e posto in un contenitore di vetro. In questa forma, i corpi fruttiferi possono essere conservati in frigorifero per non più di 7 giorni.

Gli italiani preferiscono utilizzare il tartufo bianco crudo.

I tartufi vengono strofinati su un'apposita grattugia e aggiunti come condimento a risotti, salse, uova strapazzate.

Le insalate di carne e funghi prevedono il taglio a fettine sottili del tartufo piemontese

Qualità utili

I tartufi contengono vitamine B e PP, che li rendono utili per le donne in gravidanza e in allattamento, i bambini adolescenti a cui mancano i nutrienti durante la crescita.

Attenzione! L'aroma del tartufo è considerato l'afrodisiaco più forte, quando inalato, l'attrazione per il sesso opposto aumenta.

Conclusione

Il tartufo piemontese è un prezioso rappresentante del regno dei funghi, molto richiesto dai buongustai. Puoi provare la prelibatezza alla festa dei funghi che si tiene in Italia. I migliori cacciatori di tartufi sono cani appositamente addestrati che possono impiegare anni per addestrarsi.


Guarda il video: Candidatura Unesco Cerca e cavatura del tartufo. LUmbria al summit di Campobasso UMBRIA NEWS (Dicembre 2022).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos